Europei 2016, scenari di pura violenza

Una riflessione socio-antropologica

Città devastate, disordine pubblico, allarmi bomba, poliziotti sgozzati, minori in ostaggi, tifosi impazziti.

Violenza - europei 2016

Violenza – europei 2016 – youreporter.it

Con queste parole ed immagini  purtroppo vengono mediaticamente descritti ( ma purtroppo è realtà) gli Europei 2016, come scenari di pura violenza.

Tutti contro tutti, nessuna regola, nessun valore, nessuna emozione , nessuna compassione, la Francia è un campo di battaglia tra hooligans impazziti e terroristi schedati che girano da una cittadina francese all’altra.
Nessuna voglia di tifare, di osservare, di imparare, di stare insieme, solo voglia di combattere, di urlare, di distruggere.

Polizia nervosa, disorganizzata, eppure tutto  sembra essere prevedibile, la percezione dell’insicurezza è sempre più alta, costante l’allarme terrorismo.

L’uomo non è più in grado di divertirsi, di relazionarsi, di comprendere, sopravvive ogni giorno e per farlo, usa la violenza, unico strumento di comunicazione.

Nessuno si mette più in gioco per niente e nessuno, tutto deve essere semplice da raggiungere o da capire, si vive insieme ma si vive soli, ci si guarda, ma no ci si comprende, ci si parla, ma non ci ascoltiamo.
Cosa sta succedendo?!

L’uomo sembra essere diventato un essere irrazionale, incontrollabile, egoista, senza più valori ed obbiettivi, vuole solo visibilità, vuole mostrarsi forte, potente, non è un caso se hooligans e terroristi si mostrano senza problemi dinnanzi alle telecamere e nei social.

Violenza e crimine all’ordine del giorno, senza censure, niente più scandali, tutto normale, devianza e violenza sono ormai “di moda”; lo stadio o i grandi eventi in generale, sono diventati soltanto scenari di guerra e una “buona scusa” per dar sfogo alla rabbia.

Assistiamo quindi , ad una grande trasformazione da un punto di vista socio-antropologico, non siamo più in grado di socializzare e muoverci all’interno di un contesto sociale (e mediale/digitale) ormai caratterizzato da crisi, povertà, indifferenza e violenza.

L’uomo non merita più nulla, si cerca l’integrazione ma di questo passo ,se non si investirà di più in sicurezza, cultura ed educazione, la parola “apocalisse” non sarà più una parola solo scritta nei testi sacri.
La globalizzazione, il web, hanno cambiato il modo di vivere, i linguaggi, le relazioni, l’economia, le politiche e quindi anche l’individuo, in peggio,  ancora questo non sembra essere chiaro.

Le scienze comportamentali e sociali continuano le loro analisi soffermandosi però su singoli casi e individui, in realtà è necessario uno sguardo interdisciplinare, totale e globale, il fenomeno riguarda tutti e tutte le realtà sociali e politiche.

Inoltre, diciamocelo chiaramente, basta con l’eccessivo orgoglio nazionale, non serve se questo danneggia il proprio cittadino e le proprie bellezze naturali ed urbanistiche, la Francia ha vissuto un anno di vero terrore, erano necessario gli Europei? Ora? Proprio li? …niente è necessario e cosi urgente cari politici, se questo non porta benessere sociale al proprio interno.

Si punta solo all’immagine  di una Nazione.

Sicurezza, il benessere civile viene dopo ed è possibile sacrificarlo,  l’ultima campagna elettorale romana ce lo sta mostrando: Olimpiadi nel 2024 oppure no?

Questo è il grande dubbio politico, tra mafia, crisi e corruzione: Roma, Capitale d’Italia, che figura farebbe agli occhi dell’Europa se facesse un passo indietro ora?!

Per ora comunque limitiamoci a dire…. W l’Italia e che vinca il migliore!!

Buoncompagni Giacomo, 27 anni. Laureato in comunicazione pubblica e specializzato in linguaggio non verbale, analisi dei media e scienze criminologiche con un master in criminologia investigativa. Sta conseguendo un secondo master in cyber security e collabora con la cattedra di sociologia presso l'Università di Macerata. È docente di "comunicazione e crimine" presso la Libera Università di Ancona e autore del libro "Il ruolo della comunicazione nell'investigazione" (Gruppo Editoriale L'Espresso)